1

  • Manifestazione No-Vax ad Omegna

    Manifestazione No-Vax ad Omegna

  • Il Piemonte accelera sulla vaccinazione dei 12-19enni,  Figliuolo manda 20 mila dosi aggiuntive. Vaccinati già in 70 mila

    Il Piemonte accelera sulla vaccinazione dei 12-19enni, Figliuolo manda 20 mila dosi aggiuntive....

  • Sono 36.665 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

    Sono 36.665 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

     

  • Panza (Lega): Nuova strategia nazionale per la Montagna, incontro con ministro Gelmini al tavolo tecnico di Edolo

    Panza (Lega): Nuova strategia nazionale per la Montagna, incontro con ministro Gelmini al tavolo...

  • Ornavasso in festa per il ritorno di Elisa Longo Borghini e la sua medaglia olimpica:

    Ornavasso in festa per il ritorno di Elisa Longo Borghini e la sua medaglia olimpica: "Bello far...

  • Sono 229 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 6

    Sono 229 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva...

  •    Prorogate al 31 dicembre le misure in vigore per la gestione della pandemia in Piemonte

    Prorogate al 31 dicembre le misure in vigore per la gestione della pandemia in Piemonte

  • Il Piemonte resta bianco: questa settimana si conferma basso l’impatto dell’epidemia sui servizi ospedalieri

    Il Piemonte resta bianco: questa settimana si conferma basso l’impatto dell’epidemia sui servizi...

  • Seconda dose di vaccino per il presidente del Piemonte Alberto Cirio

    Seconda dose di vaccino per il presidente del Piemonte Alberto Cirio

  • Sono 35.339 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

    Sono 35.339 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

  •  Sono 287 i nuovi casi covid in Piemonte, 5 i ricoverati in terapia intensiva, 69 i guariti. I dati

    Sono 287 i nuovi casi covid in Piemonte, 5 i ricoverati in terapia intensiva, 69 i guariti. I dati

  • Rimandato al 14 agosto lo show dei fuochi artificiali in Vigezzo

    Rimandato al 14 agosto lo show dei fuochi artificiali in Vigezzo

App Store Play Store Huawei Store

 11 06 2021SalviamoLeAlpi Kurve TI

SVIZZERA - 16-06-2021 - "Il Tour de Suisse mostra agli spettatori la bellezza del nostro paese. Abbiamo approfittato di
quest’occasione per attirare, con un'azione pacifica, l'attenzione dell’opinione pubblica sugli sviluppi spiacevoli del proliferare di questi feroci carnivori". Così un comunicato firmato da: Associazione svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori;
Associazione grigionese per la protezione del territorio dai grandi predatori e Komitee Pro alpine Kulturlandschaft. Prosegue la nota: "Lungo il percorso nei cantoni Ticino, Vallese, Uri e Grigioni abbiamo reso attenti sulla nostra preoccupazione con lo slogan 'Save the Alps - Retten wir die Alpen - Salvain las Alps - Salviamo le Alpi' e con striscioni.
La nostra azione di solidarietà è diretta contro la diffusione incontrollata dei grandi predatori, specialmente dei lupi, ancor oggi rigorosamente protetti in tutto l'arco alpino. Questa realtà ha
conseguenze devastanti per l'agricoltura alpina, l’alpicoltura, la cultura rurale, la vita di campagna e il turismo.
La preoccupazione in tutta la regione alpina è grande. I nostri colleghi italiani dell’Ossola e ticinesi hanno già richiamato l'attenzione sulla preoccupante situazione nei paesi alpini alla tappa del Giro d'Italia del 29 maggio 2021. Solo in Svizzera, 913 animali da allevamento sono stati ufficialmente vittime di attacchi di lupi nel 2020. In Francia, la cifra fu di ben oltre i 10.000 capi. Questo nonostante i grandi sforzi profusi per la protezione delle greggi. Ma i
problemi non sono in crescita solo in campo agricolo, direttamente e indirettamente sono colpiti anche la vita di campagna e sempre più i dintorni delle Città e il turismo. I lupi penetrano nei nostri villaggi, sulle piste di sci di fondo e da sci e sui sentieri escursionistici si
trovano carcasse di animali sbranati. Le misure di accompagnamento comprendono recinzioni massicce, cani da guardiania aggressivi, onerose deviazioni di sentieri e telecamere della fauna selvatica che ti riprendono al lavoro e nelle attività ricreative, solo per citare alcuni dei problemi concreti. Risultato: mandrie di mucche nutrici, greggi di capre e pecore sconvolti e compromessi nel loro ciclo vitale (aborti, infertilità, ecc.).
Chiediamo il rispetto delle preoccupazioni delle nostre popolazioni. Auspichiamo che la Svizzera e gli altri paesi alpini possano gestire finalmente la loro fauna selvatica e dei Grandi Predatori in modo che non danneggino i singoli cittadini nelle loro attività rurali, né lo stesso patrimonio socio-culturale del territorio alpino".

_12-06-2021_Dieni_Rueras_Zeitfahren-dr_7.Tag.jpeg_11-06-2021SalviamoLeAlpi_Kurve_TI.png_13-06-2021_Graubu_nden-SaveTheAlps1.jpg_11-06-2021_Disentis_bei_Sportplatz_6._Etappe.jpeg_13-06-2021_Graubu_nden-S_aveTheAlps_Velos_Mofa.jpg_13-06-2021_Graubu_nden-Sav_eTheAlps_Banner-VeloDiv.jpg


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.