1

  • Favorire la mobilità dalla Svizzera: Confcommercio in pressing

    Favorire la mobilità dalla Svizzera: Confcommercio in pressing

  • Un videoallenamento auxotonico con Marta Fovana

    Un videoallenamento auxotonico con Marta Fovana

  • L’esorcismo secondo la legge, ce lo spiega Carlo Crapanzano

    L’esorcismo secondo la legge, ce lo spiega Carlo Crapanzano

  • Via alla preadesione per la vaccinazione per chi ha tra 45 e 49 anni

    Via alla preadesione per la vaccinazione per chi ha tra 45 e 49 anni

  • Sono 29.083 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

    Sono 29.083 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

  • Infortunato alle pendici dell’Alpe Fluh calato con barella spallabile Kong. A Pecetto l'esercitazione del soccorso alpino. Foto

    Infortunato alle pendici dell’Alpe Fluh calato con barella spallabile Kong. A Pecetto...

  • A Castiglione le rogazioni, atti di penitenza e processioni propiziatorie sulla buona riuscita delle seminagioni

    A Castiglione le rogazioni, atti di penitenza e processioni propiziatorie sulla buona riuscita...

  • Sono 403 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 138 (-1 rispetto a ieri)

    Sono 403 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva...

  • Il mare in val d'Ossola. Per Raspelli il numero uno è chef Stefano Allegranza de La Stella

    Il mare in val d'Ossola. Per Raspelli il numero uno è chef Stefano Allegranza de La Stella

  • Il coniglio e la sua alimentazione nella nuova videopuntata di

    Il coniglio e la sua alimentazione nella nuova videopuntata di "Qua la zampa" con Antonio Ciurleo

  • Alla Croce di Nonio con Gianpaolo Fabbri. Foto

    Alla Croce di Nonio con Gianpaolo Fabbri. Foto

  • Rinnovata la facciata della sede Cai di Macugnaga

    Rinnovata la facciata della sede Cai di Macugnaga

App Store Play Store Huawei Store

Schermata 2021 05 03 alle 10.08.22


PIEMONTE- 03-05-2021--Il nostro codice penale si occupa nel Titolo I, Libro II, di alcuni reati specifici che possono essere commessi ai danni del capo dello Stato.


In particolare, gli articoli 276, 277 e 278 del codice si occupano di tre diverse fattispecie penali: attentato contro il Presidente della Repubblica, offesa alla libertà del Presidente della Repubblica e offese all’onore o al prestigio del Presidente della Repubblica.


Secondo la Costituzione, il Presidente della Repubblica (art. 87) è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale. E’ il primo cittadino d’Italia e come tale va salvaguardata la sua persona e la sua funzione.


Per l’attentato al Presidente della Repubblica previsto dall’art. 276 codice penale, è precisato che rischia l’ergastolo chiunque attenti alla vita, all’incolumità o alla libertà personale del Presidente. Dal punto di vista giuridico è una norma ‘sui generis’ perché il semplice ‘attentare’ alla vita del Presidente fa scattare l’ergastolo, a prescindere dal raggiungimento o meno del fine criminale.

E’ una eccezione importante del nostro ordinamento che prevede, all’art. 56 del codice penale, che il solo tentativo di un reato in caso di ergastolo (come è il caso in esame) preveda invece una reclusione di dodici anni.
Chi attenta invece alla libertà del Presidente della Repubblica, rischia una pena che va da cinque a quindici anni di reclusione. Lo prevede l’art. 277 codice penale, ma vi è una difficoltà di interpretazione con l’articolo 276.

Quest’ultimo prevede l’ergastolo per l’attentato alla libertà personale del Presidente, mentre l’art. 277 punisce chiunque attenti alla sua libertà in generale. Qual è la differenza tra la libertà personale di cui all’art. 276 e la libertà semplice dell’art. 277? L’interpretazione prevalente è che nel primo caso (art. 276) rientri la restrizione fisica della libertà del Presidente, mentre nel secondo caso (art. 277) si tratta di qualunque manifestazione della libertà del Presidente (libertà di pensiero o qualunque libertà tutelata dalla Costituzione a beneficio di qualsiasi cittadino).


Infine, è punito con la reclusione da uno a cinque anni (art. 278), chiunque offenda l’onore o il prestigio del Presidente (il cosiddetto ‘vilipendio’). L’offesa può riguardare sia la carica istituzionale, sia la vita privata del Presidente. Anche qui, la norma dispone un’eccezione sul reato di ingiuria in generale. Il reato di ingiuria infatti è stato abrogato in Italia dal Decreto Legislativo 7/2016 e l’onore e il decoro di un qualunque cittadino non sono più tutelati penalmente contro chi li offende. Resta l’ingiuria come reato solo nei confronti del Presidente della Repubblica.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.