• Superati i 2 milioni di terze dosi. Oggi 47.637  vaccinati, a 2.942  la prima dose

    Superati i 2 milioni di terze dosi. Oggi 47.637 vaccinati, a 2.942 la prima dose

  • Covid: incidenza del contagio negli adulti in lieve aumento, ma più contenuto delle ultime settimane

    Covid: incidenza del contagio negli adulti in lieve aumento, ma più contenuto delle ultime settimane

  • Covid 19: in Piemonte cala la presenza del virus nelle acque reflue. La variante predominante è Omicron

    Covid 19: in Piemonte cala la presenza del virus nelle acque reflue. La variante predominante è...

  • Due ospedali per il Vco. La Regione approva gli investimenti in edilizia sanitaria

    Due ospedali per il Vco. La Regione approva gli investimenti in edilizia sanitaria

  • Sono 18.095 i nuovi casi covid in Piemonte, 149 i ricoverati in terapia intensiva, 16.528 i guariti. I dati

    Sono 18.095 i nuovi casi covid in Piemonte, 149 i ricoverati in terapia intensiva, 16.528 i...

  • Coniugi domesi in causa da dieci anni per i danni subiti con il naufragio della Costa Concordia:

    Coniugi domesi in causa da dieci anni per i danni subiti con il naufragio della Costa Concordia:...

  • Cannobio: Millefoglie, Petrella e la storia dell'uragano che sconvolse il Nordest

    Cannobio: Millefoglie, Petrella e la storia dell'uragano che sconvolse il Nordest

  • Toceno in festa per la tradizionale patronale di Sant' Antonio Abate. Foto

    Toceno in festa per la tradizionale patronale di Sant' Antonio Abate. Foto

  • Sono 43.316 le persone che oggi hanno ricevuto il vaccino contro il Covid

    Sono 43.316 le persone che oggi hanno ricevuto il vaccino contro il Covid

  • Vaccino: 70mila preadesioni over 50 in Piemonte su 230 mila non ancora vaccinati

    Vaccino: 70mila preadesioni over 50 in Piemonte su 230 mila non ancora vaccinati

  •  Sono 9.564 i nuovi casi covid in Piemonte, 145 i ricoverati in terapia intensiva. I dati

    Sono 9.564 i nuovi casi covid in Piemonte, 145 i ricoverati in terapia intensiva. I dati

  • La videosorveglianza privata, ce ne parla Carlo Crapanzano

    La videosorveglianza privata, ce ne parla Carlo Crapanzano

App Store Play Store Huawei Store

covid stazione scale mobili


PIEMONTE- 06-12-2021-- E’ noto a tutti come a seguito di una serie di decreti-legge emanati dal Governo (alcuni già convertiti in legge e altri ancora no) alcune categorie di lavoratori hanno l’obbligo del vaccino (insegnanti, forze dell’ordine, operatori sanitari, ecc.). Se questi lavoratori non hanno il vaccino (il tampone non basta più), vengono sospesi sia dal lavoro che dallo stipendio.


Eppure la legislazione italiana appare tra le più severe del mondo e soprattutto deve fare i conti con una legislazione europea che vieta assolutamente le discriminazioni in questo ambito.
Dal punto di vista giuridico, quindi, si pongono importanti problemi interpretativi.
Ci si riferisce soprattutto al Regolamento UE 2021/953 del 14 luglio 2021. In relazione al vaccino o alla certificazione verde, il paragrafo 36 della premessa del Regolamento così espressamente prevede: È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate… (rispetto a quelle vaccinate).


Ed ancora, l’art. 3, comma settimo, così prevede: Il rilascio di certificati a norma del paragrafo 1 (il green pass) del presente articolo non comporta una discriminazione basata sul possesso di una specifica categoria di certificato…
Il Regolamento è di una chiarezza disarmante: non possono effettuarsi discriminazioni tra vaccinati e non vaccinati in nessun ambito, così come non si può discriminare il possessore del green pass da chi non lo possiede.


Può sembrare di poco rilievo, ma per comprendere pienamente l’importanza del Regolamento, bisogna precisare che qualunque Regolamento europeo entra immediatamente in vigore tra gli Stati membri e li obbliga a rispettarlo (a differenza delle Direttive europee che invece necessitano di specifico recepimento da parte dei singoli parlamenti).


Quindi, la legislazione italiana attuale e vigente, dal punto di vista giuridico, è in assoluto conflitto con la legislazione europea che invece, per espressa decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea e della Corte costituzionale italiana, deve prevalere.
Il diritto, e la sua interpretazione, in questo specifico momento storico, è lasciato alla libera decisione dei governi...

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.