1

  • In dogana con un pitone, nascondeva un ragno nero brasiliano illegale

    In dogana con un pitone, nascondeva un ragno nero brasiliano illegale

  • Piano vaccini covid per gli ultra 80enni: il 30 gennaio in Piemonte è

    Piano vaccini covid per gli ultra 80enni: il 30 gennaio in Piemonte è "vaccine day"

  • Sono 4.993 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte.  In totale 112. 841 (91,18 % delle dosi disponibili)

    Sono 4.993 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. In totale 112. 841 (91,18 % delle dosi...

  • Oggi è Blue Monday, il giorno più triste dell'anno (che non esiste)

    Oggi è Blue Monday, il giorno più triste dell'anno (che non esiste)

  • Gli operatori dello sport protestano in piazza a Torino:

    Gli operatori dello sport protestano in piazza a Torino: "Fantasmi dimenticati dal governo"

  •  Covid-19 in Piemonte: sono 435 i nuovi casi, effettuati 10.817 tamponi, i guariti sono 627. I dati


    Covid-19 in Piemonte: sono 435 i nuovi casi, effettuati 10.817 tamponi, i guariti sono 627. I dati


  • Le bande elastiche per tonificare e modellare i muscoli nel nuovo videoallenamento con Marta Fovana

    Le bande elastiche per tonificare e modellare i muscoli nel nuovo videoallenamento con Marta Fovana

  • L’ingresso degli stranieri in Italia, ce ne parla Carlo Crapanzano

    L’ingresso degli stranieri in Italia, ce ne parla Carlo Crapanzano

  • Sono 2730 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte: di questi 646 hanno ricevuto la seconda dose

    Sono 2730 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte: di questi 646 hanno ricevuto la...

     

  • Il Centro agonistico Domobianca si impone nello slalom gigante all'Alpe Devero. Le classifiche

    Il Centro agonistico Domobianca si impone nello slalom gigante all'Alpe Devero. Le classifiche

  • Piemonte: 495 nuovi casi di positivi al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 164

    Piemonte: 495 nuovi casi di positivi al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 164

  • Sono Erica Mosca, nota farmacista di Samarate, e il suo compagno Lorenzo Landenna, le vittime della valanga

    Sono Erica Mosca, nota farmacista di Samarate, e il suo compagno Lorenzo Landenna, le vittime...

App Store Play Store

martinoja alpini

OSSOLA- 11-01-2021--È andata avanti, per dirla come gli Alpini e mai l'espressione è così appropriata, anche Anna Maria Martinoja, dopo un periodo di ricovero ospedaliero e chiudendo novantenne una esistenza tutta proiettata nel mondo delle Penne nere.

Anna era figlia del Generale degli Alpini Fedele Martinoia, combattente in due guerre mondiali e comandante del glorioso Battaglione "Intra" nel 1940, sul fronte francese, un ufficiale estremamente apprezzato dai suoi soldati tanto che popolarmente era chiamato "papà Martin", poi comandante della Scuola A.U.C. di Merano trasferita nel Lazio dove, all'atto dell'armistizio dell'8 settembre 1943, mandò in anticipata licenza di fine corso tutti gli allievi evitando che fossero considerati disertori, mentre a fine guerra il Comando Alleato gli affidò il “Patriot Office” di Milano e nel dopoguerra proseguì la sua carriera come comandante del  Distretto militare di Varese, qui era ricordato da tanti "veci" Alpini  della sponda lombarda del Lago Maggiore che lo avevano conosciuto.

Anna aveva sempre accompagnato il padre, che fu tra l'altro nominato Presidente onorario della Sezione A.N.A. di Domodossola e per un periodo Consigliere nazionale dell’Associazione, nelle varie manifestazioni che Gruppi e Sezioni organizzavano sul territorio, riportandone con uno stile personale ed entusiasta le cronache sui giornali sezionali e con  l’immancabile firma “amm”.

Dopo la scomparsa del Gen. Fedele Martinoia nel 1978, Anna Maria ne divenne la fedele custode del ricordo e delle memorie, nella casa di famiglia di Preglia di Crevoladossola dove viveva con il fratello Aster scomparso alcuni anni or sono, partecipando fin quando la salute e l'età lo consentirono, alle cerimonie degli Alpini e a quelle combattentistiche e patriottiche.

Era la ormai storica Madrina degli Alpini Ossolani e con lei scompare un frammento di un mondo caratterizzato da quella che era chiamata "alpinità" e che dopo la sospensione del servizio di leva è venuto progressivamente ad affievolirsi per il mancato ricambio generazionale, impoverendo un patrimonio di valori e volontariato che per tanti decenni è stato speso per il bene dell'Italia.

Valori ben rappresentati nell'impegno di Anna Maria Martinoia nel ricordare il padre Generale, per gli Alpini di allora sempre "papà Martin".

PER ANDARE AL NECROLOGIO CLICCA QUI

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.