1

  • Piero Bracali confermato presidente di Air Valdossola:

    Piero Bracali confermato presidente di Air Valdossola: "Priorità alla ricostruzione della pista...

    MASERA- 25-10-2020-- Si è svolta domenica mattina

  • Covid in Piemonte 11 i decessi di positivi, 94 ricoverati in terapia intensiva, 2287 nuovi contagiati. I dati

    Covid in Piemonte 11 i decessi di positivi, 94 ricoverati in terapia intensiva, 2287 nuovi...

    PIEMONTE-25-10-2020-- Oggi l’Unità di Crisi

  • "Qua la zampa" ci parla della pulizia dei denti dei cani. Video

    VCO- 24-10-2020-- Questa settimana "Qua la zampa"

  • Il lockdown nella nuova vignetta di Carlo Lux

    Il lockdown nella nuova vignetta di Carlo Lux

    ALTO PIEMONTE- 25-10-2020-- Il lockdown nella nuova

  • Lancette indietro di 60 minuti, torna l'ora solare. Durerà sino al 28 marzo 2021

    Lancette indietro di 60 minuti, torna l'ora solare. Durerà sino al 28 marzo 2021

    PIEMONTE- 24-10-2020-- Ora solare 2020,

  • Covid: il Piemonte si rafforza e istituisce un settore dedicato all’emergenza

    Covid: il Piemonte si rafforza e istituisce un settore dedicato all’emergenza

    PIEMONTE-24-10-2020-- A partire dalla prossima

  • Coronavirus, potenziamento dei medici di famiglia: incontro fra Cirio e l’Ordine dei Medici

    Coronavirus, potenziamento dei medici di famiglia: incontro fra Cirio e l’Ordine dei Medici

    PIEMONTE- 24-10-2020-- Nelle scorse ore

  • Domo è sempre più bella, inaugurata la nuova via Galletti. Video e foto

    Domo è sempre più bella, inaugurata la nuova via Galletti. Video e foto

    DOMODOSSOLA- 24-10-2020-- Insieme all'intera giunta

  • Salgono ad 88 i ricoverati in terapia intensiva in Piemonte, 1548 nuovi contagiati. I dati

    Salgono ad 88 i ricoverati in terapia intensiva in Piemonte, 1548 nuovi contagiati. I dati

    PIEMONTE- 24-10-2020-- Oggi l’Unità di Crisi

  • Batteri nell'acqua, chiusa la fonte Carlina

    Batteri nell'acqua, chiusa la fonte Carlina

    CANNOBIO - 24-10-2020 -- L’acqua è contaminata

  • Uomo di 54 anni scomparso nei boschi vicino a casa

    Uomo di 54 anni scomparso nei boschi vicino a casa

    MACCAGNO - 24-10-2020 -- È uscito di casa...

  •  Il passato, il presente ed il futuro: il Cantone Ticino verso la “Città Ticino”

    Il passato, il presente ed il futuro: il Cantone Ticino verso la “Città Ticino”

    LOCARNO- 24-10-2020-- A Locarno, nella prestigiosa

conte sommaruga

ROMA - 29-09-2020 -- Un accordo entro fine anno.

Pare sbloccarsi e andare incontro a una soluzione ferma da anni la revisione dei patti fiscali Italia-Svizzera sui lavoratori frontalieri. La notizia rimbalza sui media nazionali dopo che, oggi, a Palazzo Chigi il premier Giuseppe Conte ha incontrato il presidente della Confederazione elvetica, Simonetta Sommaruga. E che, al termine del colloquio, nella conferenza stampa congiunta ha annunciato la volontà di raggiungere un accordo “quanto più possibile favorevole nel reciproco interesse”.

Un patto per rivedere gli accordi fiscali del 1974, per la verità, c’è. È quello concluso per l’Italia dal mediatore Vieri Ceriani nel gennaio 2015, dopo tre anni di trattativa e con l’obiettivo primario di veder cadere il segreto bancario elvetico. La revisione della fiscalità per gli oltre 60.000 (contando solo quelli del Ticino) italiani che ogni giorno varcano il confine per lavorare nella Confederazione, prevedeva la fine del sistema di tassazione tuttora in vigore, che esclude i lavoratori dal dichiarare i redditi in Italia e dal versare imposte. Parte delle tasse trattenute in busta paga vengono dirottate da Berna a Roma e, da Roma, agli enti locali in cui i lavoratori sono residenti. Con il nuovo accordo il frontaliere avrebbe pagato il 70% delle imposte alla fonte, in Svizzera, e poi avrebbe dovuto presentare denuncia in Italia per l’Irpef italiano, da calcolare contando le deduzioni. Il tutto con un sistema graduale e dieci anni di “cuscinetto”.

Il trattato, che è stato parafato -termine tecnico che indica l’approvazione da parte dei funzionari dei due governi- per essere legge avrebbe dovuto essere approvato dai rispettivi parlamenti. Quello elvetico l’ha fatto, quello italiano per nulla, rinviando di governo in governo: da Renzi a Gentiloni sino a Conte. Manca la volontà per il timore di veder penalizzati i lavoratori e gli enti locali e di ciò gli svizzeri si sono più volte lamentati, anche pubblicamente e anche minacciando di sospendere il trasferimento dei ristorni, cioè delle tasse incamerate.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.