1

  • Marito e moglie dispersi nei boschi della Val Cannobina

    Marito e moglie dispersi nei boschi della Val Cannobina

    V. CANNOBINA - 11-08-2020 -- Si sono persi di vista

  • Al Tg1 la Diga del Sabbione, in alta Val Formazza. Video

    Al Tg1 la Diga del Sabbione, in alta Val Formazza. Video

    FORMAZZA - 11-08-2020-È andato in onda ieri sera

  • In 200 alla traversata di nuoto del lago dei Castelli di Cannero

    In 200 alla traversata di nuoto del lago dei Castelli di Cannero

    MACCAGNO - 11-08-2020 -- Sono stati 200, provenienti da tutta...

  • Oltre 500 spettatori nelle due ultime date Formazzine di Musica in Quota

    Oltre 500 spettatori nelle due ultime date Formazzine di Musica in Quota

    FORMAZZA- 11-08-2020-- Musica in quota

  • Incubo treni: sino al 6 settembre chi viaggia in treno tra Briga e Arona prende solo autobus sostituivi...

    Incubo treni: sino al 6 settembre chi viaggia in treno tra Briga e Arona prende solo autobus...

    DOMODOSSOLA - 11-08-2020-- Dal 16 agosto al 6 settembre

  • Un Hobby da favola per un paese fiabesco, appuntamento giovedì a Viceno

    Un Hobby da favola per un paese fiabesco, appuntamento giovedì a Viceno

    CRODO- 11-08-2020-- Appuntamento giovedì a Viceno

  • Biciclette, mtb ed e-bike: allarme furti in Ticino

    Biciclette, mtb ed e-bike: allarme furti in Ticino

    LOCARNO - 10-08-2020 -- Biciclette, mountain bike

  • Sono 3 i ricoverati in terapia intensiva. Venti contagi in più rispetto a ieri. I dati

    Sono 3 i ricoverati in terapia intensiva. Venti contagi in più rispetto a ieri. I dati

    VCO- NOVARA- 10-08-2020-- Oggi l’Unità di Crisi

  • Un furto ai territori montani con il rinnovo delle concessioni idroelettriche? Panza e Arrigoni (Lega):

    Un furto ai territori montani con il rinnovo delle concessioni idroelettriche? Panza e Arrigoni...

    VCO-10-08-2020 – “Inaccettabile che la...

  • Il film “L’apprendistato” girato all’Alberghiero Rosmini vince al Molise Cinema Festival

    Il film “L’apprendistato” girato all’Alberghiero Rosmini vince al Molise Cinema Festival

      MOLISE- 10-08-2020-- Il film...

  • Si rinnova l'amicizia tra Ossola e Vallese con la camminata annuale transfrontaliera dell’Arbola

    Si rinnova l'amicizia tra Ossola e Vallese con la camminata annuale transfrontaliera dell’Arbola

    VARZO- 10-08-2020-- Domenica 30 agosto

  • Controlli dei Carabinieri potenziati, ci sono anche i motociclisti al mercato

    Controlli dei Carabinieri potenziati, ci sono anche i motociclisti al mercato

    DOMODOSSOLA-10-08-2020–Complici anche i “saldi...

Schermata 2020 03 25 alle 15.58.55

VERBANIA - 25-03-2020 -- Bloccato in Martinica

perché infettato dal coronavirus, ma ora, perfettamente guarito, non riesce a tornare a casa né a contattare le autorità italiane. E così Luca Giovanella, medico verbanese di fama internazionale (cittadino benemerito nel 2018) ha lanciato il suo appello tramite Facebook. Vorrebbe tornare "libero", anche per rendersi utile in un momento emergenziale come l'attuale. Giovanella è direttore del Centro Eoc “Diagnosi e terapia delle malattie tiroidee” di Bellinzona-Lugano. È inoltre professore titolare alla facoltà di Medicina dell’Università di Zurigo.

L'appello:

Urgente/Care amiche e cari amici, mi trovo in Martinica: sono arrivato il 3 marzo per un congresso ed il 5 sono stato ricoverato presso l’ospedale universitario di Fort de France per infezione da Covid19.

Fortunatamente e’ stata una forma lieve ma per normative locali sono stato strettamente isolato in ospedale fino a ieri (19 giorni).

In accordo con le linee guida francesi (e qui siamo in Francia) avrei dovuto essere rilasciato 8 giorni dopo la comparsa dei sintomi e 3 gg dopo la loro risoluzione ma ciononostante l’autorità sanitaria locale mi nega il permesso di rientro (dopo averlo concesso venerdì, sabato hanno cambiato nuovamente idea).

Ho assoluta difficoltà ad interloquire con l’Agenzia Sanitaria della Martinica e purtroppo non sono riuscito a contattare le Autorità Italiane (ma mi rendo conto che la situazione è drammatica e questa non è una critica).

Ho il supporto del mio ospedale EOC tramite la Direzione Area Medica e di amici del Dipartimento Esteri Svizzero, che ringrazio molto, ma sarebbe necessario un intervento fra autorità sanitarie nazionali.

Chiedo a chiunque sia nella possibilità di farlo di darmi una mano, anche rendendo pubblica la mia situazione.

E’ già andata molto bene e non mi lamento ma l’assenza di informazioni certe nonché la lontananza dalla famiglia e l’impossibilità di dare il mio contributo professionale in questo momento sono davvero pesanti da sopportare anche per un uomo delle montagne come me.

Un abbraccio a tutti e... state a casa, seguite le istruzioni ... dobbiamo farcela, tutti insieme!!!

Un abbraccio
Luca

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.