1

  • Sintesi perfetta dei valori della Repubblica dell'Ossola nello spettacolo “E poi scoppierà l’incendio”. Video

    Sintesi perfetta dei valori della Repubblica dell'Ossola nello spettacolo “E poi scoppierà...

    DOMODOSSOLA- 20-10-2019- Arriva dalla Lombardia

  • Vco: un weekend di pioggia, ma ricco di eventi. Eccoli tutti su visitvco.it

    Vco: un weekend di pioggia, ma ricco di eventi. Eccoli tutti su visitvco.it

    VCO-18-10-2019- Tanti eventi anche nel fine

  • Carabiniere fuori servizio soccorre un'anziana che fugge dall'appartamento in fiamme

    Carabiniere fuori servizio soccorre un'anziana che fugge dall'appartamento in fiamme

    LAVENO M. – 18.10.2019 – Ad accompagnarla in...

  • Israeliani fermati alla Dogana con 180.000 euro non dichiarati

    Israeliani fermati alla Dogana con 180.000 euro non dichiarati

    LUNO - 18.10.2019 - Maxisequestro di valuta in Dogana.

  • Due operai colpiti da una trave in un capannone delle Officine

    Due operai colpiti da una trave in un capannone delle Officine

    BELLINZONA – 17.10.2019 – Uno s'è...

  • L’alto Vallese cerca anche all’estero lavoratori altamente qualificati, dato che il mercato svizzero è già quasi tutto prosciugato...

    L’alto Vallese cerca anche all’estero lavoratori altamente qualificati, dato che il mercato...

    VCO-16-10-2019- L’alto Vallese cerca anche

  • Zanzara tigre alla conquista del Vallese

    Zanzara tigre alla conquista del Vallese

    CANTON VALLESE - 16-10-2019 - Continua, inesorabile,

  • Minaccia di estinzione per alborelle, si corre ai ripari

    Minaccia di estinzione per alborelle, si corre ai ripari

    BERNA - 17.10.2019 - Minaccia di estinzione per alborelle,

  • In un giorno il lago è cresciuto di 41 centimetri

    In un giorno il lago è cresciuto di 41 centimetri

    VERBANIA – 16.10.2019 – È bastata una...

  • Fa tappa a Verbania il “Tour per la tutela del frontaliere”

    Fa tappa a Verbania il “Tour per la tutela del frontaliere”

    VERBANIA - 17.10.2019 - Dopo le tappe di Malnate e Varese,

  • Formaggi ossolani in trionfo a BiancoLatte. Video e foto

    Formaggi ossolani in trionfo a BiancoLatte. Video e foto

    CRODO- 13-10-2019- Un tributo all'Alta Ossola

  • Vallese, 19enne muore in un incidente stradale, ferito un minore

    Vallese, 19enne muore in un incidente stradale, ferito un minore

    VISP - 13-10-2019 - Incidente mortale

dogana i ch

BELLINZONA – 06.10.2019 – Sui frontalieri

la Svizzera ha pronto un piano B. A pochi mesi di distanza dalle elezioni che hanno rinnovato il Gran consiglio (il parlamento della repubblica del cantone Ticino) torna alla ribalta il nodo del nuovo sistema fiscale dei frontalieri. Era il 2015 quando il governo italiano (premier Matteo Renzi) concluse con la Svizzera l'accordo internazionale che, superando i patti del 1974, rivedeva il sistema con cui i lavoratori impiegati in Svizzera -ma residenti entro i 20 chilometri dal confine- pagano le tasse.

Da 45 anni le imposte vengono incamerate in toto dalla Svizzera, che ne riversa una quota (il 38,8%) all'Italia, il cui governo in parte la ripartisce tra gli enti locali in cui risiedono i lavoratori, che -da par loro- non presentano la dichiarazione dei redditi in Italia.

L'intesa, vecchia ormai di quattro anni, prevede che -una volta a regime, dopo un passaggio progressivo di anno in anno– la Svizzera incameri il 70% delle tasse, non retroceda nulla e demandi all'Italia, secondo le proprie norme, l'imposizione fiscale sul rimanente 30% dei redditi.

Per parte elvetica l'intesa è valida, ma sul fronte italiano no perché, trattandosi di un accordo internazionale, va ratificato dal parlamento. Che non l'ha mai fatto. I governi Renzi e Gentiloni, anche avvicinandosi le elezioni politiche del 2018, hanno temporeggiato e l'esecutivo giallo-verde M5S-Lega di Giuseppe Conte ha apertamente deciso di non andare avanti. Del resto in ballo ci sono le sorti dei 60.000 frontalieri di Piemonte e Lombardia (forte bacino elettorale leghista), ai quali lo status quo sta bene e che temono la novità, anche se i suoi effetti concreti sulle buste paga non sono stati ben chiariti del tutto.

Ecco che, forse anche perché al governo è tornato il Pd sotto le cui insegne si concluse la trattativa, il Ticino inizia a farsi sentire di nuovo. In settimana il presidente del Gran Consiglio, nel corso di un incontro istituzionale, ha stigmatizzato l’”assordante silenzio” italiano e ha lanciato una provocazione. Se non si arriva un dunque – ha detto Claudio Franscella – da parte svizzera c'è l'ipotesi di dar seguito alla petizione firmata da oltre 10.000 ticinesi per chiedere la disdetta unilaterale dell'accordo del 1974. Con ciò la Svizzera chiederebbe una compensazione finanziaria di 12 milioni di franchi per ogni anno perso da quando l'accordo è stato concluso ma non attuato. Dodici milioni di franchi è la quota annuale che il Canton Ticino incasserebbe in più.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.