1

  • Motociclista sbanda e finisce fuori strada

    Motociclista sbanda e finisce fuori strada

    GAMBAROGNO - 31-05-2020 -- È uscito di strada

  • Un’altra auto immatricolata in Svizzera sequestrata alla Dogana

    Un’altra auto immatricolata in Svizzera sequestrata alla Dogana

    CANNOBIO - 31-05-2020 -- L’auto è immatricolata

  • Turismo, bonus da 10 milioni agli operatori. Vacanze in Piemonte? Una notte è gratis

    Turismo, bonus da 10 milioni agli operatori. Vacanze in Piemonte? Una notte è gratis

    TORINO - 31-05-2020 -- Si chiama “Riparti...

  • Scendono a 58 i ricoverati in terapia intensiva in Piemonte. Tutti i dati

    Scendono a 58 i ricoverati in terapia intensiva in Piemonte. Tutti i dati

    PIEMONTE- 31-05-2020--Oggi l’Unità di Crisi

  • Gita domenica virtuale, Gianpaolo Fabbri ci accompagna allo Spitzhorli. Foto

    Gita domenica virtuale, Gianpaolo Fabbri ci accompagna allo Spitzhorli. Foto

    VCO- NOVARA- 31-05-2020-- Eccoci con la gita

  • Volontari Aib del Vco, il bilancio di 8o giorni di emergenza Covid: 844 interventi effettuati da 25 squadre

    Volontari Aib del Vco, il bilancio di 8o giorni di emergenza Covid: 844 interventi effettuati da...

    VCO-31-05-2020-- Dopo 80 giorni di emergenza causata

  • Anche dall'alto Piemonte si è ammirato il passaggio della navicella “Dragon V2” di SpaceX verso la Iss

    Anche dall'alto Piemonte si è ammirato il passaggio della navicella “Dragon V2” di SpaceX verso la...

    PIEMONTE - 30-05-2020--Nonostante il maltempo

  • Coronavirus: 17 guariti nel Vco e 62 nel Novarese. In Piemonte 60 ricoverati in terapia intensiva

    Coronavirus: 17 guariti nel Vco e 62 nel Novarese. In Piemonte 60 ricoverati in terapia intensiva

    PIEMONTE- 30-05-2020-- Oggi l’Unità di Crisi...

  • Microcredito, il Piemonte non lascia indietro nessuno: “Ok a misura per i soggetti non bancabili”

    Microcredito, il Piemonte non lascia indietro nessuno: “Ok a misura per i soggetti non bancabili”

    PIEMONTE- 30-05-2020--E’ stata approvata nella

  • Piccoli ospedali: il no allo smantellamento nel rapporto della Corte dei conti. Soddisfazione Uncem

    Piccoli ospedali: il no allo smantellamento nel rapporto della Corte dei conti. Soddisfazione Uncem

    PIEMONTE- 30-05-2020-- "Una adeguata rete

  •  Villa Crespi riapre. Cinzia Primatesta ci videoracconta il lockdown di casa Canavacciuolo

    Villa Crespi riapre. Cinzia Primatesta ci videoracconta il lockdown di casa Canavacciuolo

    ORTA- 30-05-2020- E' riaperta la cucina del ristorante

  • Il Pd cavalca la protesta dei mercatali:

    Il Pd cavalca la protesta dei mercatali: "Fallimento del metodo “Uomo Solo al Comando”, anche per...

    DOMODOSSOLA- 30-05-2020--Il Gruppo consiliare e la

dogana i ch

BELLINZONA – 06.10.2019 – Sui frontalieri

la Svizzera ha pronto un piano B. A pochi mesi di distanza dalle elezioni che hanno rinnovato il Gran consiglio (il parlamento della repubblica del cantone Ticino) torna alla ribalta il nodo del nuovo sistema fiscale dei frontalieri. Era il 2015 quando il governo italiano (premier Matteo Renzi) concluse con la Svizzera l'accordo internazionale che, superando i patti del 1974, rivedeva il sistema con cui i lavoratori impiegati in Svizzera -ma residenti entro i 20 chilometri dal confine- pagano le tasse.

Da 45 anni le imposte vengono incamerate in toto dalla Svizzera, che ne riversa una quota (il 38,8%) all'Italia, il cui governo in parte la ripartisce tra gli enti locali in cui risiedono i lavoratori, che -da par loro- non presentano la dichiarazione dei redditi in Italia.

L'intesa, vecchia ormai di quattro anni, prevede che -una volta a regime, dopo un passaggio progressivo di anno in anno– la Svizzera incameri il 70% delle tasse, non retroceda nulla e demandi all'Italia, secondo le proprie norme, l'imposizione fiscale sul rimanente 30% dei redditi.

Per parte elvetica l'intesa è valida, ma sul fronte italiano no perché, trattandosi di un accordo internazionale, va ratificato dal parlamento. Che non l'ha mai fatto. I governi Renzi e Gentiloni, anche avvicinandosi le elezioni politiche del 2018, hanno temporeggiato e l'esecutivo giallo-verde M5S-Lega di Giuseppe Conte ha apertamente deciso di non andare avanti. Del resto in ballo ci sono le sorti dei 60.000 frontalieri di Piemonte e Lombardia (forte bacino elettorale leghista), ai quali lo status quo sta bene e che temono la novità, anche se i suoi effetti concreti sulle buste paga non sono stati ben chiariti del tutto.

Ecco che, forse anche perché al governo è tornato il Pd sotto le cui insegne si concluse la trattativa, il Ticino inizia a farsi sentire di nuovo. In settimana il presidente del Gran Consiglio, nel corso di un incontro istituzionale, ha stigmatizzato l’”assordante silenzio” italiano e ha lanciato una provocazione. Se non si arriva un dunque – ha detto Claudio Franscella – da parte svizzera c'è l'ipotesi di dar seguito alla petizione firmata da oltre 10.000 ticinesi per chiedere la disdetta unilaterale dell'accordo del 1974. Con ciò la Svizzera chiederebbe una compensazione finanziaria di 12 milioni di franchi per ogni anno perso da quando l'accordo è stato concluso ma non attuato. Dodici milioni di franchi è la quota annuale che il Canton Ticino incasserebbe in più.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.